Il dorico della lingua italiana

Il dialetto dorico è uno dei principali gruppi linguistici del greco antico.

Da parte dei cosiddetti dialetti greci antichi occidentali, ed è tuttavia ben distinto dal greco di nord ovest, da cui pure subisce alcuni influssi.

Ecco cosa scrive nel 1789 Ferdinando Galliani nella sua opera “Il dialetto napoletano”:

…certa cosa in riguardo al linguaggio della più gran parte de’ popoli oggi abitanti il Regno di Napoli d’essersi in esso conservata sempre la stessa caratteristica da quella più rimota antichità, di cui si ha notizia fino ad ora.

“Il dialetto Greco” che quelli popoli generalmente parlarono, fu il Dorico, dialetto che si distingue dall’Attico, e dal Ionico per le vocali più aperte, le voci pronunziate con maggior espressione le consonanti battute con maggior impulsione .

E quelle sono le caratteristiche appunto del nostro dialetto, rispetto alla lingua generale Italiana; cosicche il Napoletano potrebbe ben dirsi il Dorico della favella Italiana.

Lo parla il nostro volgo senza gutturali affatto, e senza dittonghi, ai quali anzi é così avverso e riluttante l’organo, che volendo apprendere a pronunziargli nel Francese, o nell’Inglese, vi stenta moltissimo , e perloppiù non vi giunge mai, a differenza de Lombardi , Genovesi, Piemontesi, che nel loro dialetto, benché d’ origine Italiana, hanno tutti i dittonghi de Francesi…

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.