Regata repubbliche marinare – Amalfi

La gara di regata più famosa al mondo, il Palio delle Antiche Repubbliche Marinare 2022, si svolgerà ad Amalfi il prossimo 5 giugno.

La Regata delle Antiche Repubbliche Marinare (o Palio delle Antiche Repubbliche Marinare) è una manifestazione sportiva di rievocazione storica, istituita nel 1955 con lo scopo di rievocare le imprese e la rivalità delle più note Repubbliche marinare italiane: quelle di Amalfi, di Pisa, di Genova e di Venezia.
L’idea di un evento che ricordasse le vicende delle quattro potenze marinare del Medioevo nacque verso la fine degli anni Quaranta del XX secolo.
Raggiunti gli accordi si ricercò negli archivi storici e tra le opere d’arte gli elementi necessari per realizzare i costumi del corteo storico, si disegnarono i progetti delle barche e si reperirono i fondi necessari per organizzare la regata.

Il 10 dicembre dello stesso anno fu firmato ad Amalfi, nel Salone Morelli (l’attuale Museo Storico di Palazzo San Benedetto, sede del Municipio), l’atto costitutivo che sancì la creazione dell’Ente organizzativo della Regata.
Le imbarcazioni, costruite dalla Cooperativa Gondolieri di Venezia, furono varate il 9 giugno 1956 sulla Riva dei Giardini Reali, con la benedizione del Patriarca di Venezia Angelo Roncalli (in seguito eletto papa con il nome di Giovanni XXIII).
La prima edizione si svolse a Pisa il 1º luglio di quell’anno
Questo l’albo d’oro delle prime posizioni:
Venezia 34
Amalfi 12
Genova 10
Pisa 8
La nostra Amalfi risulta al secondo posto dopo la venerabilissima Venezia anche se….
La Repubblica di Amalfi, poi Ducato di Amalfi, fu un antico stato governato, tra il IX e il XII secolo, da una serie di duchi (in latino: duces), a volte chiamati dogi in analogia con la rivale Repubblica di Venezia. Insieme a Pisa, Genova, Venezia, Ragusa, è una delle repubbliche marinare più note ed è presente con il proprio stemma nella bandiera della Marina militare italiana.

Fu la più antica e, per due secoli, la più potente fra le repubbliche marinare.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.