La costruzione della galleria “Umberto I”

La raccolta dei miei articoli in piccoli opuscoli da collezionare:  clicca qui

Stupendo scorcio di vita quotidiana della Napoli di fine ottocento, un carro agricolo in primo piano, che purtroppo non ci è dato sapere cosa trasporti, che procede il suo cammino da via San Carlo in direzione piazza del Plebiscito, su una strada dalla pavimentazione a basoli vesuviani probabilmente appena realizzata.

 

Il sole alto che forma ombre cortissime e il tram completamente aperto ancora a trazione equina che si vede sulla destra e che rasenta il teatro san Carlo in direzione di Napoli centro, ci informano che siamo nell’ora di pranzo di una calda giornata estiva, (bellissimo il tipico cappello a falde larghe che indossa il carrettiere) nonostante l’ingombro delle vesti delle due signore che, con lunghe e larghe gonne d’epoca attraversano piazza san Ferdinando e sembrano guardare e discutere con curiosità il cantiere che è loro di fronte.

 

1890

Siamo in piena rivoluzione urbana e di cantieri in città ce ne sono tanti grazie ai lavori del Risanamento che “rivoltarono Napoli come un calzino” infatti nella nostra immagine è visibile un grande cantiere e, dalla cupola in vetro che sembra esserci in alto, probabilmente siamo alla presenza della realizzazione della galleria commerciale “Umberto 1”.

 

Galleria Umberto I in costruzione (anni 1887-1890).

E proprio per la costruzione della galleria e di tutti i grandi palazzi che vediamo oggi, verranno demoliti tutti quei vicoli che godevano di cattiva fama in quanto vi si trovavano taverne (famigerata era la taverna della Cagliantese o Cagliantesa) case di malaffare e vi si consumavano delitti di ogni genere.

 

La galleria in costruzione tra il 1887 e il 1890

La fama conquistata si mantenne per quasi tutto l’Ottocento e negli anni ottanta del XIX secolo il degrado del luogo toccò punte estreme: nei vicoli si ergevano edifici a sei piani, la situazione igienica e tra il 1835 ed il 1884 in questa area si verificarono ben nove epidemie di colera.

 

La galleria ad inizio ‘900

Furono abbattuti i palazzi che si affacciavano nel reticolo di vicoli alle spalle della Chiesa di Santa Brigida e della Chiesa di San Ferdinando, con l’adiacente il Palazzo Cirella.

 

facciata della Galleria Umberto I. Disegnatore: Carlo Cornaglia – Incisore: Giuseppe Barberis.

Il perimetro terminava con l’attuale via Verdi, angolo via San Carlo e angolo via Santa Brigida.

Il vico Rotto San Carlo, attuale Piazzetta Matilde Serao, è l’unico parzialmente sopravvissuto.

A valle dell’attuale via Verdi vi era il largo del Castello con i muri esterni di Castelnuovo.

In questa pianta si vede l’originaria conformazione.

La costruzione del Palazzo della Borghesia, tra via Verdi, Via Santa Brigida e via San Carlo, iniziò nel 1870/75, prima del colera (1884) e delle demolizioni iniziate nel 1887 per realizzare la Galleria, poi completata nel 1890, come risulta in numeri romani sulla facciata prospiciente il Teatro di San Carlo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.