Le due chiese di Santa Maria Egiziaca

Via Egiziaca a Forcella Con la fontana della scapestrata al centro e porta Nolana sul fondo a destra. Visibile anche la cupola della chiesa dell’Annunziata.

Sembra un semplice quadro d’epoca che ritrae un fermo immagine di poco meno di tre secoli fa, ma mai immaginereste quanta storia è racchiusa in questa semplice tela.

Se anche oggi la stessa area è definita “via Egiziaca a Forcella”, ci sarà pure un motivo.

Via Egiziaca a Forcella – Popolani nei pressi della Fontana della Scapigliata. – 1897- Di fronte è visibile la “Fontana della Scapigliata” dietro l’angolo a destra non visibile c’è la “Fontana del Capolne” mentre sulla sinistra, anch’esso non visibile, l’ospedale Ascalesi.

Perché la denominazione “a Forcella”? Per distinguerla da un altra “egiziaca”, quella a “Pizzofalcone”, divisione dovuta alla scissione tra le suore devote a santa Maria.

Chiesa di Santa Maria Egiziaca a Forcella

 

Infatti il nome della strada deriva dalla presenza della chiesa di Santa Maria Egiziaca situata a ridosso dell’omonimo quartiere.

Questa ebbe origini da una piccola chiesetta del Trecento in seguito ampliata per ospitare le prostitute pentite, e dedicata a Santa Maria Egiziaca perché la Santa aveva vissuto a lungo da eremita in Egitto dopo una vita fatta di elemosina e prostituzione.

In seguito dal monastero si distaccò un piccolo gruppo di monache agostiniane che fondò quello di “Santa Maria Egiziaca a Pizzofalcone” (inizialmente chiamato “delle Riformate”), e sembra che la separazione fosse dovuta a contrasti sulla eccessiva ricchezza delle agostiniane di Forcella, che avevano iniziato a ospitare anche donne della borghesia partenopea, accompagnate dalle loro doti.

 

Chiesa di Santa Maria Egiziaca a Pizzofalcone

 

Quando però a inizio Ottocento furono soppressi gli ordini, incluso quello delle agostiniane, le monache fecero ritorno a Forcella.

Ma non solo monasteri sulla nostra piccola strada, nelle sue poche decine di metri essa ospita anche, da poco più di un secolo e ubicato alle spalle dell’artista, l’ospedale Ascalesi che occupa oggi parte dei monasteri di santa Maria, ma le opere che danno piu risalto alla strada anche se più volte abbandonate a se stesse, sono le fontane ritratte al centro del primo dipinto.

 

L’ospedale “Ascalesi” sulla sinistra su via Santa Maria Egiziaca di Forcella, e uno scorcio della fontana della Scapigliata sulla destra.

 

La piu grande è quella della Scapigliata, eretta tra il 1539 e il 1541 per volontà del viceré Don Pedro de Toledo, e in origine denominata della Scompigliata, per il particolare getto d’acqua che fuoriusciva e andava ad infrangersi su pietra a forma di scoglio posta al centro della vasca ellittica.

La vasca della Scapigliata

La più piccola, denominata “Il Capone”, di forma circolare ed addossato ad una parete, era caratterizzata da tre mascheroni dalle quali usciva l’acqua, purtroppo oggi è sopravvissuto solo quello più grande in marmo bianco mentre gli altri due in bronzo sono andati perduti.

 

La vasca del Capone

La cupola che si vede in alto è quella della “Basilica della Santissima Annunziata Maggiore” mentre la porta sulla destra in lontananza è porta Nolana anche se in effetti sembra molto più vicino di quando invece lo sia veramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.