Il Teatro di Ercolano

E’ in vendita online su Amazon il 6° volume dell’enciclopedia della storia dei particolari di Napoli: clicca qui

Percorrendo via Resina ad Ercolano, a due passi dalla Reggia di Portici, noterai questo piccolo e anonimo fabbricato che racchiude l’ingresso di uno dei più antichi teatri mai esistiti.

Il Teatro di Ercolano venne costruito durante la prima fase dell’età augustea, esso poteva contenere circa duemilacinquecento persone ed al suo interno venivano interpretate commedie e satire.

 

Nel 79, durante l’eruzione del Vesuvio, questo venne ricoperto da una strato di ceneri, lapilli e fango, che solidificandosi produsse un solido strato di tufo, preservandolo nel tempo.

Fu il primo edificio in assoluto ad essere scoperto tra tutti quei paesi che furono distrutti dall’eruzione del 79 e la sua scoperta avvenne nel 1710 quando per caso un contadino intento a scavare un pozzo per irrigare il suo orto, rinvenne alcuni pezzi di marmo che vendette poi ad un artigiano di Napoli il quale stava costruendo delle cappelle nelle chiese napoletane.

Statua in bronzo di Calatorius Quartio, rinvenuta nel XVIII secolo nel teatro di Ercolano.

Venuto a conoscenza,  Emanuele Maurizio d’Elboeuf proprietario di una residenza privata a Portici chiamata Villa d’Elboeuf   prima delle 122 ville vesuviane del Miglio d’oro, acquistò il pozzo e iniziò le indagini tramite cunicoli sotterranei.

 

Statua bronzea di Livia, rinvenuta nel XVIII secolo nel téatro d’Ercolano.

Inizialmente, venne erroneamente riconosciuto come il Tempio di Giove, oltre a numerosi marmi, vennero ritrovate otto statue femminili ed una maschile, alcune conservate al museo di Dresda, altre nella Reggia di Portici ed una, la Flora, posta su una fontana all’interno dell’orto botanicocolonne in marmo africanocipollino e giallo antico, un architrave inneggiante al console Claudius Pulcher e dolia in terracotta.

Statua in bronzo di Tiberio rinvenuta nel XVIII secolo negli scavi del teatro di Ercolano.

Nel 1738, durante la costruzione della Reggia di Portici, furono ritrovate ancora due statue, di cui una in bronzo, e pezzi di marmo ed esaminando tutti i vari reperti, si giunse alla conclusione che quella struttura fosse un teatro e non il Tempio di Giove come inizialmente supposto.

 

Ricostruzione immaginaria dell’antica città romana di Ercolano , pubblicata dal periodico francese Le Monde Illustré nel 1859

Solo nel 1865 venne restaurato l’ingresso per la discesa al teatro usato come rifugio durante la seconda guerra mondiale  ma per le enormi difficoltà degli scavi per la presenza di numerosi palazzi ormai accalcatisi su di esso, il Teatro resta ancora sepolto sotto la coltre di tufo e visitabile solo attraverso stretti cunicoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.