Panorama napoletano fine secolo XIX

 

La foto si data sicuramente a dopo il 1872 anno in cui fu demolito il Giardino d’Inverno per aprire via Caracciolo, i cui lavori si nota che sono cominciati anche se è ancora visibile la Spiaggia di Chiaja.

Al centro della villa spicca la costruzione dell’Aquarium della Stazione Zoologica Anton Dohrn

Il più antico d’Italia fu aperto al pubblico nel gennaio del 1874 ed è ad oggi l’unico esempio italiano di acquario ottocentesco.

In primissimo piano e riconoscibilissimo il “Pino solitario”, un pino domestico che fino agli anni ottanta adornava gran parte delle cartoline con la veduta panoramica del golfo napoletano ed il Vesuvio sullo sfondo, tuttora simbolo ben noto dell oleografia napoletana.

Si trovava in via Minucio Felice (traversa di via Orazio), in prossimità della chiesa di Sant Antonio a Posillipo.

Nonostante il valore storico, è stato abbattuto nel1984 perché malato.

Inoltre la forma del conetto del Vesuvio è sicuramente quella successiva all’eruzione del 1878, forma che raggiunse solo dal 1882 in poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.