Omnibus in piazza san Ferdinando

La raccolta dei miei articoli in piccoli opuscoli da collezionare:  clicca qui

Una immagine fotografica datata intorno al 1880 scattata probabilmente da una delle finestre del teatro San Carlo e che ritrae piazza san Ferdinando (Trieste e Trento) non ancora pavimentata.

Ad attraversarla è un omnibus su binari trainato da cavalli e del tipo completamente aperto che fa pensare ad una assolata mattinata estiva, mentre sono in attesa a quello che sembra un capolinea, grandi carrozze per il trasporto pubblico.

Nel 1876, pochi anni prima della foto, venne inaugurata la tranvia Napoli-Portici-Torre del Greco con corse che avevano capolinea proprio in piazza da San Ferdinando e proseguivano con normali vetture omnibus fino ai Granili di san Giovanni a Teduccio, in via Reggia di Portici, omnibus, forse proprio  quelle che si vedono ferme in foto.

A queste vetture, una volta arrivate ai Granili, venivano sostituite le ruote per proseguire in modalità tranviaria fino a Portici.

Sulla sinistra si intravede lo spigolo del Palazzo Reale e più in profondità mezza cupola della chiesa di san Francesco di Paola e parte del suo colonnato ancora giovanile, tutto il complesso monastico non aveva ancora 50 anni.

Le tende da sole che si vedono abbassate sulla facciata laterale del palazzo della foresteria fa intuire già la piena attività del caffè Gambrinus ad angolo con via Chiaia, il caffè di mattina a Napoli era una radicata usanza già da più di un secolo.

Il grande palazzo sulla destra di via Chiaia che si apre al centro della foto, è quello del Cardinale Zapata eretto nel XVII secolo dal viceré Antonio Zapata e che venne utilizzato come sede del potere vicereale durante i lavori per la ricostruzione dell’odierno Palazzo Reale di Napoli nel 1600.

Ancora sulla sua destra ha inizio via Toledo è l’immagine termina con un piccolissimo scorcio della chiesa da cui il largo prese il nome fino al 1918.

 

Piazza San Ferdinando e via Chiaia” (oggi Piazza Trieste e Trento). Cartolina colorata (viaggiata nel 1914).

 

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.