Obelisco di San Gaetano nell’omonima piazza


Al centro della Napoli storica, l’antica greca/romana Neapolis, lungo il decumano centrale di via tribunali, è situato uno degli antichi obelischi (o guglie) di Napoli e su di questo, di fronte alla chiesa di San Paolo Maggiore, è innalzata la statua di san Gaetano.



Il monumento fu voluto a Napoli all’indomani della terribile pestilenza del 1656, che portò la popolazione della città da circa 350.000 a circa 180.000 abitanti!



San Gaetano da Thiene (veneto, ma venerato a Napoli subito dopo San Gennaro) fu ritenuto artefice della fine dell’epidemia: da ciò tutta una serie di monumenti, fra cui questo, dalla complessa e lunga storia.


La statua di San Gaetano di spalle e sullo sfondo il campanile della chiesa di San Lorenzo Maggiore con i simboli degli antichi seggi.

Il disegno di Cosimo Fanzago del 1657-1664 prevedeva l’innalzamento sul piedistallo della colonna romana (oggi all’inizio di Via Caracciolo, cosiddetta “colonna spezzata”) sulla quale collocare la statua del santo.


La chiesa di san Paolo Maggiore realizzata sui resti del Tempio dedicato ai Dioscuri di cui facevano parte due delle colonne visibili sulla facciata principale.

Il timore (giustificato) di terremoti determinò l’opposizione dei proprietari dei vicini palazzi e il fallimento del progetto.


Antica immagine in cui sono visibili il campanile di san Lorenzo Maggiore e sulla destra vico san gregorio Armeno detto la strada dei Pastori.

Di esso restano solo quattro angioletti ai lati del piedistallo, eseguiti da Andrea Falcone (Napoli 1630-Napoli 1677) e forse la base circolare su cui poggia San Gaetano, verosimilmente realizzata per la colonna.


Nel riquadro la originaria pianta della neapolis greca romana in cui sono evidenziati in rosso i tre decumani e in giallo la posizione dell’obelisco di san Gaetano su via dei Tribunali (Decumano centrale)

L’attuale statua in bronzo, in sostituzione di altra seicentesca, è del 1747 circa, forse eseguita a Roma.


Leggete le nostre storiche pubblicazioni

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.