Monte e Banco dei Poveri

Potrebbe essere un'immagine raffigurante porta, monumento e attività all'aperto

Nel 1563 un avvocato, impietositosi per la sorte di alcune persone imprigionate per debiti, decise, insieme ad alcuni amici, di istituire la pegnorazione senza interesse a favore dei carcerati.

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante monumento, attività all'aperto e il seguente testo "sergio dattilo"

L’opera ebbe inizio in un piccolo locale nell’edificio della Vicaria – Castel Capuano, sede dei Tribunali – con la denominazione di Monte dei Poveri.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e il seguente testo "sergio dattilo"
Nello stesso anno il Monte si trasferì presso la Casa dei Santissimi Apostoli dei padri teatini. Nel 1571, per lavori di ammodernamento, il Monte traslocò presso la chiesa di San Giorgio Maggiore, da dove si spostò solo nel 1585 per ritornare alla Vicaria.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

Il nuovo Monte, a partire dal 1600, cominciò a raccogliere regolarmente depositi e a fungere da banco e nel 1609 assunse la denominazione di Monte e Banco dei Poveri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.