le due torri di piazza Garibaldi

Il mio blog in versione cartacea: clicca qui

Un vanto storico dell’antichità di Napoli è sicuramente il quattrocentesco muro di cinta aragonese e tutte (o almeno quelle che ne sono rimaste) le torri che ne fanno o ne facevano parte.

Quelle rimaste sono ormai poche e non sono certo in ottimo stato e niente è stato fatto per il loro mantenimento e decoro.

Di quelle andate distrutte si sono persi quasi tutti i ricordi, però di due in particolare, la “S. Severo” e la “Sebeto”, fortunatamente un ricordo esiste, è un disegno che purtroppo le ritrae nel momento più doloroso della loro esistenza, la demolizione eseguita a cavallo dei secoli XIX e XX.

La loro distruzione è certamente legata a problemi di viabilità visto che la piazza dove risiedevano era da pochi decenni diventata sede di una unica stazione ferroviaria cittadina ed il traffico di li a poco sarebbe certamente aumentato in maniera esponenziale.

Come si vede dal fotomontaggio allegato, l’area che era dalle torri è occupata oggi da un illustre personaggio, Giuseppe Garibaldi, la cui statua fu realizzata e li posizionata agli inizi del secolo XX per dare maggiore rilevanza ad un largo diventato il centro vitale di una grande città come Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.