Le colonne della stazione centrale

Nel 1867 venne terminata la vecchia stazione di Napoli centrale, sostituta della Bayard, della quale fortunatamente oggi ci restano molte foto anche ricolorate.

La stazione, posta circa 100 metri più avanti di quella attuale, in pieno stile rinascimentale, era composta da un solo livello posto su di un porticato davanti al quale alloggiavano delle piccole strutture in ferro e vetro che permettevano il passaggio della luce.

Composta, inizialmente, da sei binari fu presto necessario eseguire un’opera di ampliamento, nel 1939 venne elaborato un piano regolatore che venne realizzato e ultimato solo nel 1960 con la demolizione di tutte le vecchie strutture tra cui 48 colonne di granito rosa poste di fronte piazza Garibaldi con il gruppo marmoreo di Partenope spostata anch’essa nel 1924 in piazza Sannazzaro.

Le preziose colonne rimosse furono poste in vari luoghi della città: in piazza Immacolata al Vomero, a Capodimonte davanti la Basilica del Buon Consiglio a sorreggere sacre statue, davanti l’Ospedale Cardarelli, sulla piazza d’armi di Castel dell’Ovo, al Parco Virgiliano e sulla salita di San Potito al museo a sorreggere una piccola madonnina (vedi in foto, chissà quanti di voi anche passandoci tutti i giorni non l’avranno mai notata), delle rimanenti non ci è dato sapere.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.