La “stele” di Garibaldi

Un episodio importante e prioritario della storia italiana, un fatto che ha segnato indelebilmente e simbolicamente l’unità d’Italia.

Il 7 settembre 1860 il generalissimo quanto criticatissimo generale ed “eroe dei due mondi” Giuseppe Garibaldi, il fautore dell’unità d’Italia, entrò in città.

Ciò avvenne solo 17 giorni dopo lo sbarco in Calabria, ma quello che piu colpisce, non fu in seguito ad una carica di cavalleria o un corpo a corpo a baionetta, e tanto meno versando sangue a fiumi tra i due contendenti.

Egli prese possesso della città come dittatore…addirittura seduto comodamente in treno, e precisamente su un vagone della mitica linea ferroviaria, prima in Italia, la “Napoli-Portici.

A memoria dell’avvenimento fu innalzata una stele commemorativa i cui resti sono presenti ancora al corso Garibaldi.

Miracolosamente sopravvissuta ai rifacimenti dello slargo antistante il capolinea della moderna Circumvesuviana, la lapide in marmo bianco reca nell’ iscrizione resa dal tempo quasi illeggibile, solo alcune scarne parole : «Entrando … Giuseppe Garibaldi congiunse Napoli all’Italia».

Al di là della critica degli accadimenti,  essa è sopravvissuta per decenni in un penoso stato di conservazione,  la storica stele commemorativa che ricorda l’ingresso a Napoli del condottiero dei Due Mondi”, svilita dall’incuria nella funzione commemorativa, è oscurata durante il giorno dalle auto in sosta selvaggia e, cosa ancora più assurda, serve ad indicare un punto di raccolta per la spazzatura del quartiere.

La sua funzione attuale è, infatti, pilastro d’appoggio per i cassonetti della nettezza urbana.

Ma come si nota in foto sembra che qualcosa si muova e grazie ai “fondi pubblicitari”, potremo vedere al piu presto la storica stele, ben ripulita e restaurata, ricordarci cosa avvenne poco più di 150 anni fa’.

https://napolineiparticolari.altervista.org/porta-nolana-e-le-sue-sorelle/

Vigliena – eroi senza gloria

I lavori del “Risanamento”

La chiesa del del Gesù Nuovo, figlia dell’Inquisizione.

https://napolineiparticolari.altervista.org/il-ponte-della-maddalena/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.