La stazione “Regia” e la stazione “Bayard”

Spesso si fa confusione nel distinguere, l’una dall’altra, le due vecchie stazioni ferroviarie napoletane adiacenti ed esistenti prima che venisse realizzata quella centrale di piazza Garibaldi.

Napoli – Dettaglio di una vecchia pianta topografica di Napoli del 1844 che mostra l’attuale Corso Garibaldi con le due stazioni ferroviarie affiancate e collegate. In basso c’è Piazza Mercato e lo sperone triangolare del distrutto Castello del Carmine.

La loro posizione era sul Corso Garibaldi tra porta Nolana e via Nuova Marina.

3 ottobre 1839, Napoli-Portici. La prima ferrovia d’Italia

La prima ad essere realizzata fu quella che diede alla città partenopea il primato della prima ferrovia in Italia, la “Napoli-Portici” che procedeva in direzione sud all’epoca territorio del “Regno delle Due Sicilie” e, per questo, commissionata da re Ferdinando II e ufficialmente inaugurata nel 1839.

Inaugurazione della strada ferrata Napoli-Portici, 1840

I resti di questa stazione, ormai ridotti ad un rudere, sono coperti da decenni di vegetazione spontanea e transennata da un muro che la divide da Corso Garibaldi, e anche esso abbandonato, tutto ciò nel cuore pulsante della città al fianco del nuovo terminale della circumvesuviana.

Napoli, Corso Garibaldi : l’antica Stazione Bayard Napoli-Portici, poi divenuta Teatro Italia, distrutta dallo scoppio della nave “Caterina Costa” nel porto di Napoli il 28.3.1943.

Affiancata a questa ormai in disuso, vi era un’altra stazione denominata “Stazione Regia”.

Realizzata nel 1843, fungeva da capolinea ai treni diretti a Caserta per poi proseguire anche verso Roma e il nord in particolare.

Napoli, attuale Corso Garibaldi : le antiche Stazione Regia e Stazione Bayard Napoli-Portici.

 

Per dare una continuità di viaggio, le due linee vennero collegate con un binario di raccordo in modo che chi provenisse da sud o da nordo poteva tranquillamente proseguire per la strada opposta.

Alphonse Bernoud – Napoli, antica Stazione Regia (divenuta poi Stazione della Circumvesuviana).

Quando in seguito, per ragioni di ampliamento e ammodernamento delle ferrovie, le due linee vennero concentrate nel 1867 nella nuova stazione di Napoli Centrale, le stazioni persero la loro funzione di capolinea passeggeri e tutto lo stazionamento fu declassato a impianto di servizio.

Napoli, Piazza Garibaldi con Stazione Centrale e monumento a Giuseppe Garibaldi

Nel 1884 l’antico fabbricato che fungeva da stazione alla “Regia”, divenne terminale della prima linea “circumvesuviana” che collegava Napoli con Baiano passando per Nola, ma le sue vere origini risalgono al 1890 quando venne realizzata anche la linea per San Giuseppe Vesuviano con treni ancora con trazione a vapore.

Napoli – Vecchia stazione della Circumvesuviana a Corso Garibaldi. Interno.

Nel 1901, la “nostra” stazione cominciò a servire altre linee prolungando la linea originaria fino a Sarno e realizzando una nuova direttrice lungo la costa che da Napoli attraversava popolosi comuni quali quelli di Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata e Pompei, fino a innestarsi nella linea Napoli-Sarno all’altezza di Poggiomarino, completando l’anello ideale intorno al Vesuvio dando vita alla vera e propria Circumvesuviana.

 

Napoli, Corso Garibaldi. Vecchia Stazione della Circumvesuviana – 1960

La storia del glorioso e secolare fabbricato viaggiatori risalente ad epoca borbonica, si ferma ad inizio degli anni settanta quando fu completamente abbattuto e sostituito dall’attuale manufatto in calcestruzzo piu rientrato rispetto al precedente e costruito dal 1972 al 1975.

L’area dapprima occupata dal “fabbricato viaggiatori” è ora adibita a parcheggio terminale dei bus della EAV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.