La stazione di piazza Garibaldi

La prima stazione di piazza Garibaldi, visibile nella vecchia foto scattata probabilmente negli anni ’50, fu aperta nel 1867 e, con alcune modifiche eseguite a cavallo dei due secoli, occupò per 150 anni quasi tutta l’odierna piazza.

In effetti era in posizione molto più avanzata rispetto all’attuale, e il suo ingresso frontale si affacciava lungo quello che sarebbe potuto essere il proseguimento del corso Garibaldi, in pratica era dirimpettaia alla statua del Generalissimo, li posizionata dal 1904 e, a dividerli, era solo un giardinetto che ospitò per un breve periodo di tempo, la fontana della sirena oggi in piazza Sannazaro.

La forma del fabbricato era ad U, vi erano porticati lungo i tre lati e due corpi di fabbrica più alti alle estremità della facciata e, mentre lungo un lato vi erano le uscite in cui affluivano gli arrivi, su quello opposto vi era la strada dove affluivano i viaggiatori in partenza.

Napoli, Stazione Centrale a Piazza Garibaldi. Veduta dell’interno del porticato frontale della Stazione

Al suo interno conteneva solo sei binari interrati ma con il passare degli anni, la sua capacità divenne insufficiente a gestire l’enorme aumento del traffico ferroviario passante per la città.

Napoli, Stazione Centrale. Interno del vecchio edificio : si nota la fermata di Piazza Garibaldi sottoposta (realizzata nel 1925), e la copertura in ferro e vetro mancante, in quanto rimossa verso il 1939-1940 per l’economia di guerra.

Per questo si decise, nel 1925, di arretrare la zona dei binari di testa della stazione alcune centinaia di metri verso est dove oggi sono posizionati, dando modo di avere maggior spazio disponibile per la creazione di un piazzale interno molto più ampio e che consentì di aumentare di molto il numero dei binari.

Napoli, Stazione Centrale, con la fermata di Napoli Piazza Garibaldi sottoposta. Foto databile a dopo il 1939-40 quando fu rimossa la copertura in ferro e vetro per l’economia di guerra

I lavori per la demolizione del vecchio fabbricato furono eseguiti in contemporanea alla costruzione della nuova stazione e terminarono nel 1960, mentre i vecchi binari che erano posizionati al di sotto della vecchia stazione, furono utilizzati per l’attuale linea metropolitana, così come anche la parte del fabbricato che era nel sottosuolo, fu adibito a nuova stazione della linea cittadina.

Napoli, abbattimento della vecchia Stazione Centrale : scorcio della Stazione metropolitana di Piazza Garibaldi (altezza Hotel Terminus).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.