Il “Tornese napoletano”

Per la versione cartacea del blog: clicca qui

Il tornese, o grosso tornese, era un grosso d’argento emesso per la prima volta agli inizi dell’XI secolo dall’Abbazia di San Martino a Tours in Francia.

Il più noto tornese coniato in Italia è il “tornese napoletano”, una moneta di rame emessa dagli Aragona a Napoli alla metà del XV secolo e battuta fino al 1861.

Le prime monete emesse recavano l’immagine del re seduto di fronte sul trono e la croce di Gerusalemme al rovescio. Furono emessi anche in altre zecche del regno: Barletta, Gaeta, Capua, Cosenza, Isernia, Lecce ecc.
Valeva 1/20 di carlino o 6 cavalli.
Il sistema completo era così articolato:

1 ducato = 5 tarì

1 tarì = 2 carlini

1 carlino = 10 grana

1 grano = 2 tornesi

1 tornese = 6 cavalli.

Il tornese di Carlo di Borbone (1734-1759) recava al rovescio le scritta “HILARITAS” su tre righe. La moneta da tre tornesi era chiamata anche “Publica” per la scritta “PVBLICA LÆTITIA” che recava al rovescio.
La moneta da tre tornesi di Ferdinando IV aveva invece la scritta “PVBLICA COMMODITAS”. Sulla moneta da un tornese era scritta l’indicazione del valore “TORNESE CAVALLI VI” su quattro righe. Furono coniate anche monete da 10, 8, e 5 tornesi, tutte di rame.
Con la quarta monetazione, emessa dopo il 1816, quando Ferdinando riunì i due regni e prese quindi il nome di Ferdinando I, furono emesse monete da dieci, otto, cinque e quattro tornesi. La moneta da un tornese fu emessa solo nel 1817 ed era la moneta di minor valore coniata.
Francesco I (1825-1830) emise solo le monete da 10, 5, 2 tornese e quella da “TORNESE UNO”, mentre Ferdinando II (1830-1859) coniò quelle da 10, 5, 3, 2, 1 1/2 da 1 e da 1/2 tornese. Su tutte le monete il valore era espresso in lettere.
L’ultimo Borbone di Napoli, Francesco II (1859-1861), durante il breve regno, coniò monete da 10, 5 e 2 tornesi.
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 di