Il ponte dei francesi (ma di quali francesi?)

Si racconta che quando il generale napoleonico francese Championnet, ai tempi della repubblica napoletana, sbaragliò l’esercito napoletano, lo inseguì fino a Napoli entrandovi da sud attraverso il ponte della Maddalena.

Allo scopo dovette costruire un secondo ponte che per tale motivo fu denominato per l’appunto “dei Francesi”.

Ma questa notizia, diventata popolare, risulta falsa poiché la costruzione di un secondo ponte non serviva, all’epoca della venuta dei francesi, ad attraversare alcun ostacolo, tanto più che per attraversare l’area acquitrinosa di quello che restava del Sebeto già esisteva il ponte della Maddalena.

La realtà è che quel ponte è si giustamente chiamato “ponte dei Francesi” ma i francesi non sono quelli del generale Championnet bensì i meno bellicosi fratelli Bayard i quali, dopo 39 anni dal passaggio delle truppe napoleoniche, costruendo la loro ferrovia “Napoli-Portici, trovarono l’ostacolo della strada regia delle Calabrie che sottopassarono con la realizzazione del ponte

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.