Il Caffè Diodati in piazza dante

IL  BLOG IN VERSIONE CARTACEA: CLICCA QUI

‘O Cafè Diodati era nu bar ‘e Napule int’’a Chiazza Dante ch’arapette ‘o primmo ‘e giugno d’’o 1895.

Fuie ‘o primmo cafè – cuncierto ‘a via ‘e fore d’â città.

Don Gennaro Diodati, ca teneva ‘o bar a ll’angulo c’’o vico Mastellone, arapette ‘o afè-cuncierto mmiez’’a chiazza.

Quann’era ‘a festa e Piererotta, Diodati faceva trasire ‘e carri e ‘e ccravaccate int’’a chiazza e pavava ‘e ffuochi e frùgoli p’’a ggente ca veneva a vedè.

Nce steveno purzì cucunrs’’e canto e ‘o pubbreco puteva avvutà ‘a meglia canzone.

Accussì nse facette ‘a furtuna d’’o Cafè Diodati: ‘o pubbreco pagava quacchecosa ‘e cchiù pe ll’artisti ca jevano ngopp’’a scena a recità o a cantà.

Accussì, ngopp’’a scena ’’o Cafè Diodati, faticarono Carlo Maggi, Vincenzo Scudillo, Antonio Bova, Ida Artemisia, Pietro Fiorenza, ‘e ssore Viola, eccetera.

Quanno venette ‘a primma uerra munniale, ‘a chiazza se ‘nchienette ‘e tram e machine, Diodati ‘nzerraje ‘o Cafè e se ne ghiette a fravecà ngopp’’a Camera ‘e Cummercio.

————————————————————-

Traduzione:

Il caffè Diodati era un bar di Napoli in piazza Dante e aprì il primo di giugno 1895.

Fu il primo caffè concerto fuori dalla città.

Don Gennaro Diodati aveva il bar all’angolo del vico Mastellone e aprì il caffè concerto in piazza.

Alla festa di Piedigrotta Diodati faceva passare i carri i fuochi per la gente che veniva a vedere.

C’erano anche concorsi di canto e il pubblico poteva votare la canzone migliore.

Così si fece la fortuna del caffè Diodati, il pubblico pagava qualcosa in piu per vedere gli artisti che sul palco cantavano e recitavano.

Così sulla scena del caffè Diodati cantarono Carlo Maggi, Vincenzo Scudillo, Antonio Bova, Ida Artemisia, Pietro Fiorenza, le sorelle Viola, eccetera.

Quando iniziò la prima guerra mondiale la piazza si riempì di tram e auto e Diodati chiuse il caffè e andò a lavorare sulla Camera di Commercio

/ 5
Grazie per aver votato!

Una risposta a “Il Caffè Diodati in piazza dante”

  1. In realtà il Caffè era il Caffè Diodato non Diodati. Era il nonno di mio nonno Gennaro Diodato, quando divenne anziano era il Presidente della Camera di Commercio di Napoli e quando morì ci fu anche un articolo sul Mattino. Da quel che mi hanno raccontato era una persona gioviale e buona, e fu un punto di riferimento in città all’epoca.
    Mio nonno si chiamò Gennaro come lui ma aveva meno voglia di studiare e a scuola gli dicevano spesso che il voto lo davano ‘all’altro Gennaro’ per scherzare.
    Saluti,
    Maria Cristina Manfredi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.