Calessi e Barrocci su via Roma

   Tante sono le foto che ritraggono questo fantastico angolo di napoli nel periodo storico che va dal 1800 al 1900, l’area interessata riguarda la confluenza di via Roma (attuale via Toledo) in piazza Trento e Trieste (ex largo san ferdinando).

   Seguendo l’angolazione dell’obiettivo della macchina fotografica, per riprendere gran parte della “promenade”, sembra che l’autore si sia dovuto appostare su un balcone del Palazzo “Cardinale Zapata”, fabbricato eretto nel XVII secolo dal viceré Antonio Zapata e che venne utilizzato come sede del potere vicereale durante i lavori per la ricostruzione dell’odierno Palazzo Reale di Napoli.

   La didascalìa della vecchia foto colloca lo scatto all’anno 1900 ma probabilmente è molto approssimato.

   E’ un’ora di pranzo di grande confusione, un folto via vai di calessini signorili muniti di “capotte”, di Barrocci (carri agricoli ad un solo asse e a trazione animale per il trasporto di cose, che trovò largo impiego fino ai primi del Novecento) che imboccano la nobile arteria urbana, e sembra che stia provenendo in direzione della piazza un “Omnibus”, ossia una carrozza a molti posti a sedere trainata da cavalli che nel sec. XIX  faceva servizio regolare di trasporto persone nelle grandi città prima che prendessero servizio i tram su rotaie.

   Sulla strada non c’è traccia di binari per cui l’anno in questione potrebbe essere collocato tra il 1870 e il 1876, poco prima dell’invenzione del tram su rotaie a trazione equina.

   Il sole sembra sia alto nel cielo e la stagione è quella estiva, lo si nota dal largo uso delle tipiche pagliette d’epoca da parte sia di uomini che di donne, dai calessini scoperti, dall’omnibus aperto versione estiva, ma anche dal gruppetto di marinai in libera uscita (il porto è poco distante) in tenuta leggera che imboccano via Roma magari per raggiungere…i “Quartieri” per “dolci appuntamenti”.

   Al centro della strada sembra ci siano dei lavori in corso in un cantiere non ancora adeguatamente segnalato, un accatastamento di basoli fanno pensare a lavori di ripavimentazione mentre l’illuminazione stradale risulta ancora a gas.

   Un’ultima curiosità se a qualcuno può interessare, sembra che al terzo piano del palazzo a destra ad angolo con piazza San Ferdinando strettamente vincolato alla omonima chiesa, sembra di leggere uno striscione in cui si avvisa della locazione di un grande appartamento, ma credo che già all’epoca considerando il pieno sviluppo dell’area, i prezzi di certo non erano alla portata di tutti.

File:Napoli, Via Toledo 5.jpg
La stessa angolazione della foto precedente della Napoli di fine XIX secolo a via Toledo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.