Bombardamento aereo statunitense di Napoli del 4 Agosto 1943.

La foto fu scattata da uno dei 37 velivoli quadrimotori Boeing B-17 “Flying Fortress” (“Fortezze Volanti”) dell’USAAF (United States Army Air Forces) presenti in azione, scortati da alcuni velivoli caccia Lockheed P-38 “Lightning” (“Fulmine”), in realtà solo 5 velivoli dei 37 erano dotati di macchinari meccanici.

Alle ore 13:37 iniziato il bombardamento che avrebbe avuto come obiettivo il Porto di Napoli. Esso avvenne da 22.800 piedi d’altitudine.

Furono sganciate tutte 444 bombe da 500 libbre ognuna (ogni aereo P-17 ne sganciò 12), sparando nel contempo 14.850 colpi dai cannoncini calibro 50 per la propria autodifesa. La difesa antiaerea fu forte.

Molte batterie di contraerea italo-tedesca spararono (anche dall’ Isola di Capri) e circa 20/25 aerei caccia si alzarono in volo entrando in contatto col 301st BG.

Gli americani subirono 17 B-17 danneggiati in maniera minore e 2 in maniera maggiore, solo 2 aviatori statunitesi rimasero leggermente feriti (danni e feriti tutti causa dalla contraerea di terra).

Alle ore 17:20 riatterrarono nella loro Base in Algeria.

Anche il 2nd BG, ovviamente, partecipò al bombardamento.

Partirono alle ore 10:45 dalla loro Base (Massicault Airfield) in Tunisia (vicino Tunisi). Anche il 2° BG aveva i B-17. Partirono in 41, 1 rientrò per problemi.

I rimanenti 40 B-17, alle ore 13:42 iniziarono il bombardamento su Napoli e si concluse alle 13:48, e fu effettuato in 2 giorni successivi.

La quota di bombardamento variò tra i 18.700 ed i 24.000 piedi d’altitudine, e furono sganciate 480 bombe da 500 libbre l’una. Obiettivo Porto e Città, provenendo dal mare.

Il tiro antiaereo italo-tedesco fu massiccio.

Napoli quel giorno fu colpita da 924 bombe per un totale di circa 231 tonnellate di esplosivo. I morti furono 210 ed i feriti 464 La Basilica di Santa Chiara fu distrutta.

Distrutto il Ridotto del Teatro San Carlo. Una delle bombe che colpì la Chiesa del Gesù Nuovo è visibile squartata ma inesplosa nella Sala “Moscati”.

Distrutta la Chiesa di Santa Lucia nell’omonimo Rione. Danni gravissimi ad una Torre del Maschio Angioino.

E distruzioni in altre centinaia di posti…

Fu uno se non il più feroce bombardamento che Napoli subì.

 

Per averlo sempre comodamente a disposizione potrai trovare il presente blog anche in edizione cartacea.

Tutti gli articoli raccolti in piccoli volumetti in vendita su “AMAZON” a  € 5.20 

Il blog di “Sergio Dattilo” in piccoli volumetti da collezionare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.