Quando il Papa provò l’emozione della Napoli-Portici

Quando il Papa provò l’emozione della Napoli-Portici

Il  1848 fu un anno di moti e rivoluzioni in tutta Europa e quasi tutti i popoli degli stati monarchici europei chiesero e ottennero la costituzione.
Non fu risparmiato neanche lo stato pontificio che nello stesso anno, con papa Pio IX,  dovette concedere la costituzione, seguendo l’esempio del sovrano delle Due Sicilie.

Ma nonostante la concessione, avvisaglie di un tentativo di rovesciamento politico avvennero il 15 novembre dello stesso anno,quando fu ucciso il capo del governo pontificio, Pellegrino Rossi. Successivamente i rivoluzionari, guidati da Angelo Brunetti (detto Ciceruacchio), pretesero di dettare condizioni per la formazione del nuovo governo. Pio IX, non volendo scendere a patti con essi, ma avendo capito che un’azione repressiva avrebbe potuto innescare una guerra civile, decise di lasciare Roma.


Il 24 novembre 1848 il pontefice partì nottetempo, vestito da semplice sacerdote, con destinazione Gaeta, nel territorio del Regno delle Due Sicilie. Invitato da Luigi Napoleone, a quel tempo presidente della neo-costituita Seconda Repubblica francese, a trasferirsi nella sua nazione, preferì rimanere in territorio italiano e riparare nel frattempo in territorio duosiciliano.

In visita a Napoli, ospite di sua Maestà re Ferdinando II di Borbone,
Papa Pio IX fu felicissimo,  in quella occasione, di far visita  al Reale Opificio di Pietrarsa, e provare l’emozionante esperienza di salire per la prima volta su di un treno percorrendo, 9 anni dopo la sua inaugurazione, la mitica Napoli-Portici con una vettura guidata dallo stesso costruttore Bayard.

Al suo ritorno a Roma, forte della sua entusiasmante esperienza di a Napoli,  il 3 aprile 1856 approvò il piano delle ferrovie nello Stato Pontificio, la cui prima linea, la Roma-Frascati (20 km), venne aperta al pubblico il 14 luglio 1856,(ben 17 anni dopo quella partenopea) seguita dalla più importante Io-Civitavecchia (80 km) che verrà aperta al pubblico il 16 aprile 1859.

Altri nostri articoli:

Una strada nata tra sangue e rifiuti: via Carbonara”

La linea Napoli – Portici (stazione Bayard)

Capri, da “inferno” a “paradiso”

I PALAFRENIERI RUSSI (CAVALLI RUSSI O DI BRONZO)

Il Castello del Carmine

La visita di Gioacchino Murat all’ “Albergo dei poveri”


La Fontana della Spinacorona (o delle zizze)

Un grande Re per una grande Capitale

Una vergognosa pena, “la colonna dell’infamia”

I percorsi obliqui di Napoli

La storia della “Colonna Spezzata”


I “nilensi” nella Neapolis

Il confronto di estensione tra Neapolis e Napoli

Il “Salotto Buono” di Napoli, “Rione Amedeo”

La storia del “cavallo Carafa”

Il borgo di Antignano e la via Antiniana


Perché la “Sala Major” di CastelNuovo è detta anche “Sala dei Baroni”

Le statue equestri di piazza Plebiscito

Io, donna Marianna, vi racconto la mia storia!

Dal “Largo di Palazzo” al “Museo Archeologico”

Le torri (aragonesi) invisibili


Le fontane del Seguro di piazza Mercato

Perché fu dedicata una guglia a san Gennaro?

La fontana Maggiore o di Corradino

La fontana del Gigante o dell’Immacolatella

Via Vannella Gaetani, ma chi era?

Napoli raccontata attraverso un finestrino

La casina Vanvitelliana (Una casina sull’acqua)

Piazza Cavour – Largo delle Pigne – Santa Maria delle Grazie

Piazza Garibaldi (Una statua ormai ingombrante)

La storia di via Chiaia e del suo ponte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.