Plinio il giovane sull’eruzione del Vesuvio

IL  BLOG IN VERSIONE CARTACEA: CLICCA QUI

La disastrosa eruzione del 79 d.C. che distrusse Pompei, Ercolano e Stabia ci è nota grazie a due lettere indirizzate a Tacito da Plinio il giovane.

In meno di 24 ore l’eruzione creò il vuoto attorno a sé e lo struggente e desolato paesaggio che venne a crearsi fu descritto da Marziale in un suo epigramma.

Ecco il Vesuvio, poc’anzi verdeggiante

di vigneti ombrosi,

qui un’uva pregiata

faceva traboccare le tinozze;

Bacco amò questi balzi

più dei colli di Nisa,

su questo monte i Satiri in passato

sciolsero le lor danze;

questa, di Sparta più gradita,

era di Venere la sede,

questo era il luogo rinomato

per il nome di Ercole.

Or tutto giace sommerso

in fiamme ed in tristo lapillo:

ora non vorrebbero gli dèi

che fosse stato loro consentito

d’esercitare qui tanto potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.